Personale docente

Anna De Biasio

Docente a contratto

L-LIN/11

Indirizzo: Non assegnato . . .

E-mail: anna.debiasio@unipd.it

  • La prof. De Biasio riceve su appuntamento previo contatto via email. Appointments can be made with Prof. De Biasio by email.

Anna De Biasio è ricercatrice confermata all’Università di Bergamo. Si è laureata in Letteratura Anglo-Americana presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia nel 1998 e ha conseguito il dottorato di ricerca in Anglistica presso la stessa Università nel 2004. Ha partecipato a convegni ed è stata titolare di borse di studio sia in Italia sia all'estero, tra l'altro presso l'Università di California, Berkeley, e il Clinton Institute for American Studies, University College di Dublino. I suoi interessi di ricerca hanno riguardato le origini degli studi americanistici in Italia e gli autori dell’Ottocento americano, in particolare la linea Hawthorne-James e la genesi del romanzo “d’arte” come fenomeno storico e sociologico ("Romanzi e musei. Nathaniel Hawthorne, Henry James e il rapporto con l’arte", Venezia: Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti, 2006). Ha curato la prima traduzione italiana di "The Art of the Moving Picture" (1915) di Vachel Lindsay per Marsilio (2008) e una sezione tematica della rivista Allegoria dedicata allo studio della maschilità (XXII, 61, gennaio/giugno 2010). Nel 2013 ha co-curato il volume "Tracing Henry James" (Cambridge Scholars Publishing). Il suo volume "Le implacabili. Violenze al femminile nella letteratura americana tra Otto e Novecento" è stato pubblicato nel 2016 per Donzelli, Roma. I suoi attuali interessi di ricerca riguardano in particolare i gender studies, i tourism studies e la serialità televisiva americana.

■ "Appunti sui primi studi americanistici in Italia: Gustavo Strafforello e il suo Manuale di letteratura americana (1884)", Annali di Ca' Foscari, 39, 1-2 (2000), 113-133.
■ "Eastlake, Elinor", "Petersen Strong, Kay", "Renfrew, Dottie", profili critici di The Group (1963) di Mary MacCarthy, in Dizionario dei personaggi letterari, Torino: Utet, 2003, 557, 1534-35, 1648-49.
■ “If Emerson’s Nature Becomes a ‘Dolce Madre’: A Nineteenth-Century Italian (Mis)Translation”, in Emerson at 200, a cura di Giorgio Mariani et al., Roma: Aracne 2004, 105-112.
■ Romanzi e musei. Nathaniel Hawthorne, Henry James e il rapporto con l’arte, Venezia: Istituto Veneto di Scienze, Lettere e Arti, 2006.
■ “The Innocents Abroad e l’Europa: un anti-diario di viaggio”, in Giornate particolari. Diari, cronache e memorie, a cura di Bianca Tarozzi, Verona: Ombre corte, 2006, 139-151.
■ “A Transnational Patriot: Vachel Lindsay Between Cultural Ecumenism and a Usable Past”, in American Solitudes: Individual, National, Transnational, a cura di Donatella Izzo et al., Roma: Carocci, 2007, 357-364.
■ “Vachel Lindsay, architetto di sogni americani”, postfazione a Vachel Lindsay, L’arte del film, Venezia: Marsilio, 2008, 227-247.
■ “‘The Catalogues Are Finished’: Travelling in Venice According to James”, in Tracing Henry James, a cura di Greg Zacharias e Melanie Ross, Newcastle Upon Tyne: Cambridge Scholars Publishing, 2008, 304-315.
■ “Gender Trouble in Venice: A Fearful Responsibility (1881) di W. D. Howells”, in Queerdom: Gender Displacements in a Transnational Context, a cura di Mario Corona e Donatella Izzo, Bergamo: Bergamo University Press, 2009
■ “L’art du (dans le) roman comme coup d’État simbolique? Henry James croise Paul Bourget”, in
L’espace culturel transnational, a cura di Anna Boschetti, Paris: Nouveau Monde Éditions 2010, 195-222.
■ “Studiare la maschilità”, Allegoria, XXII, 61, gennaio/giugno 2010, 9-36.
■ “A New Literary History of America”, Allegoria, XXII, 62, luglio/dicembre 2010, pp. 131-142.
■ “Murder in Henry James's The Other House (1896)”, Iperstoria, dicembre 2011, http://www.iperstoria.it/vecchiosito/httpdocs//?p=541
■ “The Author's House as Tourist Space”, Tracing Henry James, Newcastle: Cambridge Scholars Publishing, 2013, pp. 94-109.
■ Tracing Henry James, Newcastle: Cambridge Scholars Publishing, 2013 (co-edited).
■ “Jonathan Franzen e il romanzo familiare: Le correzioni”, Letteratura e conflitti generazionali. Dall’antichità classica a oggi, a cura di Davide Susanetti, Roma: Carocci, 2013 pp. 333-348.
■ “L’autonomia e il fattore del genere nel campo letterario statunitense dell’Ottocento”, Iperstoria, 2, ottobre 2013 http://www.iperstoria.it/joomla/15-saggi/68-de-biasio-autonomia
■ “Le vie dell’eroismo femminile. Guerra e violenza in Margaret Fuller”, Storica, 58, XX, 2014, pp. 7-47.
■ “Hawthorne’s Rome and the U.S. High Cultural Sphere”, The City of the Soul: The Literary Making of Rome, Roma: Svenska institutet i Rom, 2015, pp. 135-144.
■ “‘It Plays out Like a Novel’: Mad Men e la legittimazione artistica nella serialità televisiva”, Acoma, 8, Primavera-Estate 2015, pp. 98-111.
■ Le implacabili. Violenza e femminile da Margaret Fuller al racconto della Prima guerra mondiale, Roma: Donzelli, 2016.

IMPORTANT:

- For non-Italian speakers, the following topics on www.history.com replace the topics in "Americana" as secondary sources:

The Reformation, American-Indian Wars, American Revolution History, American Civil War, Westward Expansion, The Great Depression, The 1950s.


- ALL THE SLIDES OF THE COURSE ARE FREELY ACCESSIBLE ON THE MOODLE PLATFORM


La lezione del 16/12 si terrà dalle 14:30 alle 16:30 in aula G di Maldura

RECUPERO LEZIONE: 14/12 15:30-17:30 AULA EF2 (SEDE DI VIA VENEZIA, 13)

Il Syllabus contiene un errore: il cap. 6 di "On the Road" di J. Kerouac da preparare non è relativo alla Prima ma alla Seconda Parte.


Le lezioni del 20/10 e 21/10 sono sospese a causa della partecipazione della docente a un convegno all'estero.


Il corso di letteratura anglo-americana I inizierà giovedì 6/10/16.