Personale docente

Alessandro Metlica

Professore associato confermato

L-FIL-LET/14

Indirizzo: Piazzetta G. Folena, 1 - Palazzo Maldura - Padova . . .

Telefono: 049 8274852

E-mail: alessandro.metlica@unipd.it

  • Il Lunedi' dalle 9:00 alle 10:30
    presso Palazzo Maldura, secondo piano, Studio 43
    verificare sempre l'orario di ricevimento sulla pagina Avvisi

English CV attached.

Alessandro Metlica (1985) è professore associato di Critica letteraria e letterature comparate presso il Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell'Università degli Studi di Padova. Dopo aver conseguito la laurea (2009) e il dottorato di ricerca in Italianistica (2013) presso l’Ateneo patavino, è stato Marie Curie Cofund Fellow (2013-2015) e chargé de recherche FNRS (2015-2017) presso l’Université catholique de Louvain (Belgio).

Le sue principali linee di ricerca, che attraversano la storia delle idee, la letteratura e la produzione artistica, concernono la cultura della prima modernità, e segnatamente: il libertinismo e la satira politica; i legami tra letteratura e immagine; la poesia d'occasione, le feste di corte e la rappresentazione del potere nei secoli di Antico regime; l'encomiastica repubblicana nell'epoca dell'assolutismo.

Ha curato le edizioni critiche, corredate di ampio commento, di alcuni testi chiave della tradizione eterodossa italiana, dai libelli antipapali di Ferrante Pallavicino (Alessandria, Edizioni dell'Orso, 2011) al Poema tartaro di Giovan Battista Casti (Milano, Fondazione Feltrinelli, 2014). È l'editore di miscellanee consacrate alle riletture novecentesche del Risorgimento (Milano, Mimesis, 2013), alla lirica italiana tra Rinascimento e barocco (Milano, Mimesis, 2015) e ai rapporti tra Giovan Battista Marino e la cultura francese (Turnhout, Brepols, 2017). I suoi saggi su rivista e in volume spaziano dalle avanguardie francesi alla poesia del Cinquecento, con particolare attenzione per la cultura italiana fuori d'Italia (XVI-XVIII secolo) e per il ruolo che questa ricopre nella propaganda delle grandi casate europee, dagli Asburgo ai Borbone.

Dirige, in qualità di principal investigator, il progetto Republics on the Stage of Kings. Representing Republican State Power in the Europe of Absolute Monarchies, finanziato dal Consiglio Europeo della Ricerca (ERC-Starting Grant 2017, durata: 2018-2023). Il progetto, consacrato alla produzione encomiastica degli Stati repubblicani europei tra la fine del Cinquecento e l’inizio del Settecento, studia come il potere venga rappresentato nel campo della letteratura e delle arti (panegirici e trattati, opuscoli e gazzette, quadri e incisioni, feste e spettacoli pubblici). Sono indagati cinque casi di studio, su scala europea: le repubbliche di Venezia, Genova, Lucca e Ragusa di Dalmazia (l’attuale Dubrovnik) e la repubblica delle Province Unite.

Download Curriculum_Metlica.pdf

- il libertinismo e la satira politica;
- i legami tra letteratura e immagine;
- le nozioni di lusso, prestigio e magnificenza nell'Europa della prima modernità;
- l'invenzione del dramma per musica tra Cinque e Seicento;
- la poesia d'occasione, le feste di corte e la rappresentazione del potere nei secoli di Antico regime;
- l'encomiastica repubblicana nell'epoca dell'assolutismo.

Non verranno prese in considerazione le proposte di tesi inviate via mail, o presentate prima di aver frequentato uno dei corsi o dei seminari del docente. Per ogni altra informazione al riguardo, si invitano gli studenti a recarsi di persona al ricevimento del docente.

Il prossimo ricevimento si terrà lunedì 3 settembre. In caso di questioni più urgenti, si invitano gli studenti a contattare il docente via mail.